A MINORCA LA MAGGIORE RISERVA DELLA BIOSFERA DEL MEDITERRANEO

A MINORCA LA MAGGIORE RISERVA DELLA BIOSFERA DEL MEDITERRANEO

Grazie al progetto Unesco MaB, l'area marina protetta aumenta di sette volte per difendere ecosistemi unici, barriere coralline, alghe singolari, parco dei cetacei e zone di nutrimento di gabbiani e uccelli migratori.

La Riserva della Biosfera di Minorca si moltiplica per sette e diventa la maggiore del Mediterraneo. Creata nel 1993 per proteggere l'ambiente di un'isola ricca di specie di animali e vegetali endemiche (vivono solo qui), è stata estesa fino a 514.485 ettari rispetto ai 71.191 attuali, grazie all'incorporazione delle acque territoriali spagnole che circondano l'isola, fino a 12 miglia dalla costa. L'ampliamento è avvenuto in seno al programma MaB dedicato all'uomo e alla biosfera per uno sviluppo sostenibile. Creato nel 1971, MaB (Man and Biosphere) è un progetto intergovernativo, del settore scienze dell’Unesco, per promuovere la compatibilità tra sviluppo socioeconomico e conservazione di ecosistemi e diversità biologica e culturale. La nuova riserva delimita due aree di grande valore ambientale. L'Albufera des Grau, una laguna separata dal mare da una barriera di sabbia, dove si avvistano numerose specie di uccelli: è una meta per birdwatcher e ornitologi. E  la Riserva Marina del nord dell’isola, fondali con un alto grado di biodiversità.

minorca-cala-presili

DIECI DIVERSI HABITAT

Il mare che circonda l'isola comprende dieci diverse tipologie di habitat, suddivise in 24 categorie, con uno stato di conservazione molto migliore rispetto agli habitat costieri continentali. Ambienti rappresentativi degli ecosistemi marittimi del Mediterraneo occidentale. La nuova area protetta include un’ampia presenza di habitat infralitoranei (fino a 50 m di profondità), di piani circalitorali (fondali bui fino a 150 m di profondità) e batiali (abissi tra 200 e 2000 m). Notevole il fondo corallifero con gorgonie. E una grande varietà di alghe con foreste di Laminaria e Cystoseira, e fondali di litotomni, alghe calcaree dalla crescita lenta, molto vulnerabili all’impatto dell’uomo, soprattutto alla pesca.

minorca-faro-favA-ritx

UNA RISERVA PER I CETACEI

Una gran quantità di volatili e cetacei vivono nella riserva o vi transitano durante le migrazioni. Vi si avvistano numerose specie di cetacei. Il tursiope, o delfino dal naso a bottiglia (Tursops truncatus). La stenella striata (Stenella coeruleoalba). Il capodoglio (Physeter macrocephalus). Il globicefalo, o balena pilota (Globicephala melas). Il delfino comune (Delphinus delphis). Lo zifio (Ziphius cavirostris). E le balenottere (Balaenoptera physalus).

Canarie Tenerife delfini dal naso a bottiglia Tursiops truncatus

BIRDWATCHING

Il Canale di Minorca è una delle principali aree di nutrimento dei gabbiani nelle Baleari, soprattutto della specie della berta grigia o delle Baleari (Puffinus mauretanicus) e delle berta maggiore (Calonectris diomedea), del marangone dal ciuffo, parente del cormorano (Phalacrocorax aristotelis) e del gabbiano corso (Larus audouinii). Si avvistano anche la berta minore mediterranea (Puffinus yelkouan) e il migrante mignattino (Chlidonias niger).

minorca-birdwatching

minorca-in-bici

 


Se ti è piaciuto l'articolo fai una donazione anche di un solo euro. Questo sito è finanziato dal contributo dei lettori. Grazie

17/07/2019

www.biosferamenorca.org
Riserva della Biosfera di Minorca
www.biosferamenorca.org/documents/documents/3095doc2.pdf?mc_cid=5c72a9fa37&mc_eid=a0212f0db1
Info tecniche sulla Riserva
www.menorca.es
Turismo di Minorca
www.unesco.org/new/en/natural-sciences/environment/ecological-sciences
Unesco MaB (Man and Biosphere)